Doma Nunch

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

'Giorno della memoria': polemiche inutili a Saronno

SARONNO / SARÒNN (VA) - L’assessore saronnese Lucia Castelli ha recentemente spiegato in modo chiarificatore quanto è stato organizzato ed eseguito dal Comune per il 'Giorno della memoria', mettendo fine a una bagarre insensata promossa da alcune associazioni.

La Segreteria cittadina di Domà Nunch esprime appoggio per le scelte espresse dall’Amministrazione Comunale. Questa ha effettivamente proposto alle associazioni di richiedere un patrocinio che - una volta esaminato congiuntamente al programma della manifestazione - sarebbe stato concesso; ma tali associazioni, offese dal trattamento 'non di riguardo', hanno declinato la proposta per mezzo stampa. Il Comune, di conseguenza, ha preferito muoversi in autonomia, ottemperando agli obblighi di legge circa la celebrazione del 'Giorno della memoria'.

Domà Nunch, che nasce come realtà associativa, prim'ancora che politica, ha ancor'oggi molti dei nostri militanti impegnati nell’associazionismo con passione e spirito di partecipazione. Quindi conosciamo abbastanza le dinamiche di relazione tra associazioni e il Comune: in ogni attività che abbia la volontà di coinvolgere le istituzioni comunali di riferimento, si deve seguire un iter preciso, concordare il programma dell’iniziativa e/o richiedere un patrocinio, domanda che viene valutata dall’amministrazione di turno. In nessun caso ci si deve permettere di imporre un programma specifico e poi frignare se l’Amministrazione ha in suo potere il decidere a riguardo della collaborazione e del patrocinio.

Figuriamoci poi il farsi trovare nell’ufficio dell’assessore pretendendo che il proprio programma già confezionato venga avvallato senza aprir bocca. La polemica riguardo proprio a questo specifica data sembra nascondere la volontà di creare un polverone sul nulla, animato più da interessi ideologici che da un reale motivo concreto.

Chi è sempre stato abituato a fare il bello e cattivo tempo si stizzisce nel momento in cui si accorge che il nuovo versante istituzionale non ha più intenzione di sottomettersi ai diktat di certe associazioni o di garantire continui corridoi preferenziali con gli organi comunali. Inoltre, riteniamo sia ora di smetterla di riconoscere una presunta esclusività ad alcuni circa specifici contenuti culturali e memorie storiche, che potrebbero essere legittimamente patrimonio anche di altre associazioni operanti nel territorio cittadino.

30 gennaio 2016. Segreteria sez. Domà Nunch Sarònn

 
JoomlaWatch 1.2.12 - Joomla Monitor and Live Stats by Matej Koval

Utenti collegati

We have 115 guests online